home eye-movies.com

Underview movie's whispers
di Paolo Toniolo

Amore bugiardo

L'amore bugiardo

FacebookTwitterGoogleTumblrPinterest


Commento al film amore bugiardo regia di Fincher

Un thriller che tiene incollato lo spettatore ad una storia apparentemente paranoide .

La storia sentimentale di una giovane coppia la cui crisi sembra legata a vicende per lo più comuni .

Entrambi perdono il lavoro .

Cambiano di città per seguire i vecchi genitori malati .

Lui è un tipo superficiale e la tradisce .

Lei deve mantenerlo .

Lei è vittima del successo perduto, di una auto -immagine alienante .

Tuttavia la vicenda è piena di normalità .

Ma è normale che lui sia “dipendente ” dalla moglie e sul piano comportamentale e su quello economico ?, é normale che la sua parte razionale venga gestita dalla sorella ?

Normale quanto Il rapporto contemporaneo tra uomo e donna dentro al matrimonio sa esserlo, oggi !

Normale è oggi una nuova libertà femminile che si erge sullo sfondo di una debolezza maschile .

Nel film la “debolezza ” assume la forma della manipolazione e la nuova libertà femminile vive tutta dentro alle convenzioni mediatiche .

Una nuova dimensione ” per e dentro ” ai media è peraltro abituale al regista Fincher che prosegue il tema del film The Social-Network.

Come è abituale il suo discorso sull’emancipazione (o meglio,libertà) femminile già sviluppato inThe Social Network e con l’eroina di Stieg Larsson(Millennium).

Ma qui Fincher va oltre spingendosi a scoprire i nuovi territori di libertà femminile, mediatici e artificiali quanto vuoti di riferimenti, ma soprattutto resi vuoti dalla scomparsa della figura maschile classica .

Una recita-finzione quindi dove la donna domina il maschio per fargli recitare una parte subalterna e autolesiva che lo conduce oltre la recitazione e al gioco per diventare la sua stessa dimensione esistenziale quasi a riempire il vuoto di un smarrimento maschile oggi così diffuso fino a diventare la cifra del rapporto .

Sono lontani i tempi in cui il matrimonio si inseriva in contesti che ne determinavano senso e limiti . Sono lontani i tempi dei ruoli di genere .

Infatti le figure maschili nel film sono tutte deboli . Il protagonista, il poliziotto, i vecchi amanti di lei, il delinquente, fino al padre, smarrito anche clinicamente .

Ne esce una donna da un lato forte dello smarrimento maschile e dall’altro rinforzata da un pensiero dominante che la vuole comunque vittima di quest’ultimo .

La protagonista saprá essere la creatrice di una reinvenzione della relazione sentimentale e di conseguenza della messainscena a cui ridurrà il loro matrimonio .

L’approdo a cui sembra destinata la coppia è quindi una mera recitazione . Cinica e autoreferenziale, resa ” vera ” dai media e dal pubblico .

Ma la vicenda non è confinabile nel paradosso o nella patologia .

La “recitazione -veritá ” lungi dall’essere gioco mostra tutta la sua normalità per diventare essa stessa una nuova dimensione della libertà femminile . Una reinventata ragione di vita , insensata perché infondata e pertanto dagli esiti inevitabilmente patologici .


Trama
8
Fotografia
7
Colonna sonora
8
Voto finale
8

Lascia un commento